American Aircraft Fan Club 1945/1955 - The Collection

Thanks to my sister Orsola, the first and only Secretary of A.A.F.C., for her great help in the initial phase of the collection.


 

Links - Collegamenti

 

250px Thumbnails-only page - Pagina con sole thumbnails da 250px

Complete table with some data of each plane - Tabella completa con alcuni dati di ogni aeroplano

Selected pictures, digitally restored - Immagini selezionate, restaurate digitalmente

Image Credits - Diritti sulle Immagini

Whenever possible, the back side of the photographic print bears full credits. In any case, I obtained all the images (available mostly as 8"x10" glossy photographic prints) between my 16 and 22 years of age, in the years between 1975 and 1981 (save a very few later exceptions):

  • for free, by asking the Historical Offices / Historical Branches of Aircraft Manufacturers and Military Institutions including the following (since then, many organizations have disappeared or have been incorporated elsewhere): Historical Office of the Edwards AFB (Ted Bear & Richard Hallion); SAC Museum; Aircraft Manufacturers including Bell Helicopter Textron, Boeing (including Boeing Vertol), Convair, McDonnell-Douglas, Grumman, Fairchild-Republic, Hiller, Hughes, Lockheed, Martin, North American Rockwell, Northrop, Ryan, Vought. The acquisition procedure was entirely managed by mail and included contact with the USA Embassy in Rome to obtain addresses from the Thomas Register of American Manufacturers, a request mail to the institution or with the company, delivery and receipt of the 8"x10" glossy prints.
  • purchased from the National Archives and Record Service in Washington, DC, or from the Defense Audio-Visual Agency (DAVA), at the time existing at Norton AFB. The acquisition procedure, entirely managed by mail, included request for photocopied previews (now we would say "thumbnails") of the available pictures for the airplanes I was looking for, receipt and selection of the desired pictures, transmission of a list of the pictures together with the receipt of an international money transfer, delivery and receipt of the 8"x10" glossy prints. The system was lending to confusions, in some cases I made blind purchases, or couldn't understand that i was buying an artist's impression rather than a photo.

The organizations, institutions and companies cited above are the sole owners of any copyright on the pictures, that I digitized by flatbed scanner.

Ovunque possibile, il lato posteriore della stampa fotografica riporta i credits. In ogni caso, ho ottenuto tutte le immagini (quasi tutte disponibili come stampe fotografiche lucide in formato 8"x10") tra i miei 16 e i miei 22 anni, tra il 1975 e il 1981 (salvo pochissime successive eccezioni):

  • gratuitamente, chiedendo agli uffici storici di Fabbriche Aeronautiche o di Istituzioni Militari tra cui le seguenti (da allora, molte organizzazioni sono sparite o sono state incorporate altrove): Historical Office of the Edwards AFB (Ted Bear & Richard Hallion); SAC Museum; Aircraft Manufacturers including Bell Helicopter Textron, Boeing (inclusa Boeing Vertol), Convair, McDonnell-Douglas, Grumman, Fairchild-Republic, Hiller, Hughes, Lockheed, Martin, North American Rockwell, Northrop, Ryan, Vought.La procedura di acquisizione era interamente gestita per posta, e comprendeva un contatto con l'Ambasciata USA di Roma per ottenere indirizzi dal Thomas Register of American Manufacturers, una lettera di richiesta all'istituzione o all'azienda, spedizione e ricezione delle stampe 8"x10".
  • acquistate presso i National Archives and Record Service di Washington, DC, o dalla Defense Audio-Visual Agency (DAVA), che all'epoca aveva sede a Norton AFB. La procedura di acquisizione, ,interamente gestita per posta, comprendeva la richiesta di anteprime in fotocopia (ora diremmo "thumbnails") delle immagini disponibili per gli aeroplani che stavo cercando, ricezione e selezione delle immagini desiderate, trasmissione di una lista di tali immagini assieme alla ricevuta di un bonifico internazionale, spedizione e ricezione delle stampe 8"x10". Il sistema si prestava a confusioni, in alcuni casi ho fatto acquisti alla cieca o non ho capito che, invece di una foto, stavo acquistando un'illustrazione ("artist's impression").

Le organizzazioni, istituzioni e aziende sopra citate sono i soli proprietari di tutti i diritti sulle immagini, che ho digitalizzato con uno scanner piano.

The reason for this collection, and its many limits - La ragione di questa collezione e i suoi tanti limiti

In my boyhood, I was very fond of aviation. A book by Corrado Barbieri ("Caccia e Bombardieri 1945/1955" - Delta Editrice, 1975) and a new magazine, "Aerei", emerging in those years, disclosed to me the fascinating world of the first post-WWII decade, the years when jet propulsion was taking the lead and where, under the pressure of Cold War, and with emerging technological advancements, creativity seemed uncostrained. The proliferation of prototypes completely fascinated me. My initial aim was to get a picture of each model appearing in the book by Barbieri, with particular reference to the prototypes I had never heard about before.
To facilitate the collection of images and to impress favorably the companies to which I requested images, I constituted the phantasmal "American Aircraft Fan Club 1945/1955" (A.A.F.C.). As the only member, excluding my sister that gave an helping hand whenever needed, I appointed myself President, complete with a serious-looking rubber stamp with which I marked my signature on the letters, and I defined the criteria for building a photographic collection dedicated to American planes of the period.
I concentrated on the time frame from 1/1/1945 to 31/12/1955 and conceived a misleading numeration system taking into account first flight dates. This required several reconsiderations, adding prefixes, and introduced many inconsistencies, clearly visible from the scrawls in the back side of the photos. Many years later, at some time in the 1990's, I made a small Clipper software application where I recorded the hand-written labels and the few accompanying data (those labels where printed around 2007, when I finally reordered the collection, and appear as laser-printed rectangular labels attached on the back side of the picture). The table herein under is based on the same data.
It can be easily noticed that the table includes official collection photos (having a number in the N/NNN format, and including more data) and other photos. The distinction is quite loose: in line of principle, if the first flight date is outside the reference time frame, an aircraft cannot be part of the collection. As an example, many X-planes are not in the collection. On the other side, I contradicted myself more than once, by including in the collection planes that I deemed close relatives of others.

Da ragazzo, ero un grande appassionato di aviazione. Un libro di Corrado Barbieri ("Caccia e Bombardieri 1945/1955" - Delta Editrice, 1975) e una nuova rivista, "Aerei", comparsi in quegli anni, mi hanno rivelato l'affascinante mondo del decennio post-seconda guerra mondiale, gli anni in cui la propulsione a getto stava prendendo il sopravvento e in cui, sotto la pressione della guerra fredda, e con i progressi tecnologici emergenti, la creatività sembrava illimitata. La proliferazione di prototipi mi ha completamente affascinato. Il mio obiettivo iniziale era ottenere un'immagine di ogni modello che appare nel libro di Barbieri, con particolare riferimento ai prototipi di cui non avevo mai sentito parlare prima.
Per agevolare la raccolta di immagini e impressionare favorevolmente le aziende a cui richiedevo immagini, ho costituito il fantomatico "American Aircraft Fan Club 1945/1955" (A.A.F.C.). Come unico membro, esclusa mia sorella che mi dava una mano quando necessario, mi sono nominato Presidente, con tanto di timbro apparentemente serio con cui contrassegnavo la mia firma sulle lettere, e ho definito i criteri per costruire una collezione fotografica dedicata agli aerei americani del periodo.
Mi sono concentrato sul lasso di tempo dall'1/1/1945 al 31/12/1955 e ho concepito un fuorviante sistema di numerazione che teneva conto delle prime date di volo. Ciò ha richiesto diverse riconsiderazioni, l'aggiunta di prefissi e ha introdotto molte incongruenze, chiaramente visibili dagli scarabocchi nella parte posteriore delle foto. Molti anni dopo, a un certo momento negli anni '90, ho creato una piccola applicazione software Clipper in cui ho registrato le etichette scritte a mano e i pochi dati accessori (quelle etichette, stampate nel 2007, quando finalmente riordinai la collezione, compaiono come etichette rettangolari stampate a laser attaccate sul retro dell'immagine). La tabella sottostante è basata sugli stessi dati.
Si può facilmente notare che la tabella include foto ufficialmente nella raccolta (con un numero nel formato N/NNN e inclusi altri dati) e altre foto. La distinzione è piuttosto lasca: in linea di principio, se la data di primo volo è al di fuori del periodo di riferimento, un aeromobile non può far parte della collezione. Ad esempio, molti Aerei X non sono nella collezione. Dall'altro lato, mi sono contraddetto più di una volta, includendo in collezione aerei che ho ritenuto parenti stretti di altri.

What is listed in the table? - Cosa è elencato nella tabella?

The table contains around 300 pictures, loosely arranged as follows:

  • USAAF/USAF Aircraft
  • U.S. Navy Aircraft
  • Research Aircraft: X-planes (including XV and VZ)
  • Oddballs and late additions
For the pictures officially included in the A.A.F.C. collection, a few data are provided about engine brand and model (only jet engines are cited) and performance.
Rows are loosely ordered alphabetically by designator, with the undesired side effect that (to say one...) later models such as F2R appear higher in the table than earlier models such as FR. There may be inconsistencies in designators, at the time I researched as thoroughly as I could. Now, the details are at one click of distance, and I can find online more detailed information and hugely better pictures, than those that I painstakingly obtained long ago. The most significant example is Republic XF-12/XR-12, that I discovered in a photocopy from the National Archives (in fact, I was looking for the Lockheed XF-12 Blackbird). At the time, nobody in Italy, including the most knowledgeable authors, didn't know that the plane ever existed, and the pictures that I obtained were a total surprise, to say one, to Giorgio Evangelisti, an Italian news correspondent of NASA and the author of many books including two volumes about unusual machines in the history of aviation. Now, on Amazon I can find the Specialty Press book by Mike Machat covering every detail of Republic XR-12 as well as Hughes XR-11. In hindsight, 1970's were a pioneering age and information was uneasy to obtain, one of the reasons why I abandoned the idea to write a book about the XF-85 Goblin.
Summarizing, the value, if any, of the pictures linked to the table below, is that many of them weren't published before on the web (I will cite only the shot with B-47 and B-49 in the same picture). Even though the years when I was very proficient in aviation history have passed a long time ago, I would like to specify that I have much more information available (books, personal notes, documents) than appears here. When I'll find the time, I will revise and complete the data provided in the table, whose only aim is just to give a name and a few details about the pictured plane.
As a final note, quality is suboptimal: high resolution scanning accentuates the defects of B&W prints. No attempt to improve image quality was performed after scanning: it's surely possible to improve the result with selective interventions on parameters such as brightness, contrast and sharpness, as I did for the cover photo above. As usual, by downsizing imperfectly focused pictures one improves their overall look.
I will slowly publish in a separate web page the improved versions of a few selected pictures.
Feel free to download the biggest size available (this may require one more click on the picture) that is around 2500 x 2000 pixels. The reverse side of each photo was downsized to 50% of the main image.
If you decide to re-publish the pictures, please include a link to this page or include the whole "Image Credits" section appearing above.

La tabella contiene circa 300 immagini, ordinate approssimativamente come segue:

  • Aerei USAAF/USAF
  • Aerei U.S. Navy
  • Aerei da Ricerca: X-planes (inclusi XV and VZ)
  • Casi particolari e aggiunte successive
Per le immagini ufficialmente incluse nella collezione A.A.F.C., vengono forniti alcuni dati sulla marca e sul modello del motore (sono citati solo i motori a reazione) e le prestazioni.
Le righe sono ordinate in ordine alfabetico dal designatore, con l'indesiderato effetto collaterale che (per dire uno ...) modelli successivi come F2R appaiono più in alto nella tabella rispetto ai modelli precedenti come FR. Potrebbero esserci incongruenze nei designatori, all'epoca feci ricerche il più approfondite possibile. Ora, i dettagli sono a un clic di distanza, e posso trovare informazioni più dettagliate online e immagini straordinariamente migliori di quelle che ho faticosamente ottenuto molto tempo fa. L'esempio più significativo è il Republic XF-12 / XR-12, che ho scoperto in una fotocopia dagli Archivi Nazionali (in realtà, stavo cercando il Lockheed XF-12 Blackbird). All'epoca, nessuno in Italia, compresi gli autori più esperti, sapeva che l'aereo fosse mai esistito, e le immagini che ho ottenuto sono state una totale sorpresa, per dirne una, per Giorgio Evangelisti, corrispondente italiano della NASA e autore di molti libri tra cui due volumi su macchine insolite nella storia dell'aviazione. Ora, su Amazon posso trovare il libro di Specialty Press di Mike Machat che copre ogni dettaglio di Republic XR-12 e Hughes XR-11. Con il senno di poi, gli anni '70 sono stati un'era pionieristica e le informazioni non erano facili da ottenere, uno dei motivi per cui ho abbandonato l'idea di scrivere un libro sull'XF-85 Goblin.
Riassumendo, il valore, se esiste, delle immagini collegate alla tabella sottostante, è che molte di esse non sono state pubblicate prima sul web (citerò solo lo scatto con B-47 e B-49 nella stessa immagine). Anche se gli anni in cui ero davvero esperto di storia dell'aviazione sono passati da tempo, vorrei specificare che dispongo di molte più informazioni (libri, appunti personali, documenti) di quanto appare qui. Quando troverò il tempo, rivedrò e completerò i dati forniti nella tabella, il cui unico scopo è solo quello di dare un nome e qualche dettaglio sull'aereo fotografato.
Come nota finale, la qualità non è ottimale: la scansione ad alta risoluzione accentua i difetti delle stampe in bianco e nero. Nessun tentativo di migliorare le immagini è stato fatto dopo la scansione: è certamente possibile migliorare il risultato con interventi selettivi su parametri come contrasto, luminosità e nitidezza di ciascuna foto, come ho fatto per l'immagine di copertina qui sopra. Come al solito, riducendo la dimensione di immagini non perfettamente a fuoco se ne migliora l'aspetto complessivo.
Pubblicherò lentamente in una separata pagina web le versioni migliorate di alcune pagine selezionate.
Sentitevi liberi di scaricare la dimensione più grande disponibile (potrebbe essere necessario un altro clic sull'immagine) di circa 2500 x 2000 pixel. Il lato posteriore di ogni foto è stato ridotto del 50% rispetto alla dimensione dell'immagine principale.
Se decidete di pubblicare nuovamente le immagini, includete un link a questa pagina o includete l'intera sezione "Crediti immagine" che appare sopra.